CASA…UN POSTO SICURO PER TUO FIGLIO? DIPENDE DA TE… I NUMERI DICONO DI NO!

I nostri piccoli, esplorano, si muovono e imparano scoprendo il mondo attorno a loro e facendo esperienza.
I bambini vedono il mondo con occhi diversi dagli adulti e a differenza di quest’ultimi non sanno ancora riconoscere rischi e pericoli.
Più della metà di tutti gli incidenti degli “UNDER 5” avvengono tra le pareti domestiche e non in strada e l’età più a rischio è quella tra i due e i tre anni. 

Secondo i dati emersi nel corso del convegno “Un mondo sicuro per i nostri bambini”, in collaborazione con l’Istituto per la Salute del Bambino e dell’Adolescente (ISBA) dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, Gli incidenti nell’infanzia e nell’adolescenza rappresentano la più comune causa di morte e la seconda più comune causa di malattia. Per ogni bambino che muore, 4 restano invalidi permanenti, 27 devono essere ricoverati e circa 700 perdono giorni di scuola e ore lavoro.
Tra 0 e 5 anni gli incidenti in casa più frequenti risultano essere le cadute (58% del totale).
Qui, un grafico sulle cadute dal letto e dalle scale, che riassume le alte percentuali:

Per ridurre i tanti incidenti che li vedono coinvolti serve dunque una maggiore informazione sulle fonti di pericolo, rivolta in particolare ai genitori e ai parenti che si possono occupare del bimbo.

É dovere degli adulti assumere comportamenti improntati alla sicurezza, adottando ogni precauzione possibile per garantire l’incolumità dei piccoli ed educandoli in età di crescita affinché imparino a comportarsi in maniera prudente.

QUINDI SI POSSONO EVITARE QUESTI INCIDENTI?
SI. 

Secondo gli esperti, circa il 60% degli incidenti ai bambini potrebbe essere evitato adottando adeguate misure preventive, ad esempio una maggiore sorveglianza o l’impiego di dispositivi tecnici di sicurezza.

Noi di TIPPY stiamo lavorando per rispondere anche a queste esigenze, sfruttando la tecnologia per poter assistere i nostri piccoli esploratori e le famiglie nella loro quotidianità.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

ULTIME NEWS